| Change language
Emulsion Power

Progetto A.Forini in Tamoil – ITALY

dicembre 11, 2014adminNews0

Durante l’assemblea di Assopetroli Lombardia è stata presentata ufficialmente l’imminente apertura del nuovo impianto di produzione STABLE EMULSION EMULSION POWER per conto A.Forini presso il deposito Tamoil di Trecate ( No).

 

Qui scaricabile il PDF dell’articolo pubblicato sulla Staffetta Petrolifera riguardante la conferenza : articolo su staffetta petrolifera di EMP 10.12.14

Al posto del gasolio, i vantaggi di una nuova emulsione stabile

Messa a punto da Emulsion Power, gruppo A. Forini e Tamoil Italia

Durante l’assemblea annuale del 3 dicembre (v. Staffetta 04/12) il presidente di Assopetroli Assoenergia Lombardia ha presentato una nuova iniziativa, in pratica una nuova emulsione stabile da impiegare al posto del gasolio, che potrebbe dare un importante contributo per la riduzione delle emissioni nocive dell’ambiente prodotte dalla mobilità e dal riscaldamento.

“Un problema” – ha sottolineato Marco Tondino – “che sta molto a cuore alla nostra associazione, da oltre 65 anni a fianco dei cittadini, portando loro servizi, innovazione e soluzioni mirate a ridurre sempre di più la bolletta energetica, assicurando nel contempo il miglior confort e la salvaguardia dell’ambiente. Un’attività e una posizione dei nostri associati fortemente sostenuta anche da Confcommercio, che ha consentito all’associazione di consolidare una stretta collaborazione con Regione Lombardia, Arpa Regionale e le altre amministrazioni locali presenti sul territorio”.

La “Best Practice” del gruppo A. Forini di Perugia (azienda storica del settore con oltre 80 anni di attività), può rappresentare per la Regione Lombardia, per le imprese e per i cittadini, una grande opportunità: ridurre l’inquinamento generato dalle caldaie e dalla mobilità, a costo zero per la Regione e con notevoli vantaggi, anche economici, per il privato e per le pubbliche amministrazioni.

Alberto Forini, A.D. e comproprietario del gruppo, che sulla base di quasi due anni di test, ha rilevato che “la nuova emulsione stabile si può adottare per il riscaldamento e l’autotrazione, senza dover modificare gli impianti e i motori dei veicoli, ottenendo una riduzione delle emissioni fino all’80%. La nuova emulsione è infatti in grado di portare un vecchio motore ‘euro 0, 1, 2 e 3′ a livelli di un motore ‘euro 5/6′, senza dover intervenire sulla meccanica e tantomeno senza adottare particolare retrofit: tali miglioramenti si riscontrano anche per le caldaie funzionanti a gasolio”.

La tecnologia ed il metodo di preparazione del nuovo carburante è un’esclusiva di Emulsion Power di cui Davide Rinaldi, responsabile ricerca e sviluppo e comproprietario della società, ha illustrato come è stato possibile ottenere lo standard di qualità dell’emulsione mai raggiunta finora, per stabilità e per le caratteristiche più performanti.

Condizioni che hanno interessato Tamoil Italia che ha deciso di farsi coinvolgere nel progetto, avviando i lavori per la produzione della Nuova Emulsione Stabile nel deposito fiscale di Trecate (NO), per conto del Gruppo A. Forini, a partire dal gennaio 2014. Presente all’assemblea, il direttore generale di Tamoil Italia, Aldo Lancia, ha sottolineato che: “iniziative così, che hanno valore ambientale, per Tamoil sono assolutamente da perseguire”.

Plausi all’iniziativa sono arrivati dal Segretario Generale di Confcommercio Lombardia, Giovanna Mavellia, e dalla Regione Lombardia, rappresentata alla convention dal presidente della 4a Commissione Attività Produttive e territorio,Angelo Ciocca. Apprezzamenti avvalorati dalla relazione del D.G. dell’Agenzia Mobilità Ambiente e Territorio di Milano, Bruno Villavecchia, e dall’intervento del D.G. di Arpa Regionale, Umberto Benezzoli, che ha auspicato l’adozione delle emulsioni, quale risposta facile e immediata, all’annoso problema della riduzione delle emissioni nocive: una soluzione economicamente vantaggiosa sia per la Regione che per i consumatori.

In pratica si tratta di sostituire l’uso del tradizionale gasolio per autotrazione e per riscaldamento, con la nuova emulsione stabile e consentire a tutti i mezzi omologati euro 1,2 e 3 di poter circolare senza limitazioni anche nelle aree critiche, con apposita procedura e controllo di filiera, in quanto i loro gas di scarico si ridurrebbero al pari di quelli emessi da motori più recente quali i motori Euro 5 ed Euro 6.

I vantaggi che si potranno ottenere con la Nuova Emulsione Stabile sono i seguenti:

  • Drastica riduzione dell’inquinamento a costo zero per la Regione Lombardia sia nel settore trasporti sia nel settore residenziale, da subito e con semplici procedure di controllo;
  • Possibilità di utilizzare veicoli con motorizzazione Euro 0,1,2,3 con emissioni equivalenti agli Euro 5 e 6, ritardando così la rottamazione di veicoli altrimenti non utilizzabili nelle aree critiche;
  • Riduzione dei costi per gli utilizzatori anche per effetto delle agevolazioni fiscali previste per l’emulsione;
  • Vantaggi immediatamente riscontrabili a confronto con altre iniziative già avviate o in itinere;
  • Gli “ambulanti” ad esempio, che hanno veicoli con motorizzazioni molto vecchie, consorziandosi, potranno utilizzare l’emulsione mediante appositi “Emulsion Point” situati in diverse zone della città e delle provincie.
  • Gli impianti di riscaldamento che non possono essere attualmente riconvertiti con nuovo combustibile, ridurranno comunque le emissioni contemporaneamente ai costi della attuale bolletta energetica;

A conclusione del suo intervento, il presidente Tondino ha auspicato che la Regione Lombardia adotti velocemente le misure necessarie per incentivare l’uso delle emulsioni e che come già il Gruppo Forini, Tamoil Italia ed Emulsion Power anche altri operatori intraprendano iniziative simili su tutto il territorio nazionale a favore dell’ambiente e della nostra economia.

ACL FAQ : ACF additivi emulsione olii vegetali e grasso animale

aprile 10, 2014adminNews0

ACF SERIES : Additivi emulsionanti per olii vegetali

Nata dall’esperienza e dalla professionalità dei nostri chimici ed ingegneri Additive Chemical Limited, la serie di additivi ACF viene utilizzata nella preparazione di emulsioni “On Demand” acqua/oli vegetali e acqua/grasso animale. Le particolari caratteristiche chimico-fisiche impartite, la rendono ideale per l’impiego nei sistemi di produzione “Vegreen” di Emulsion Power.

 

 

La famiglia ACF, composta dagli additivi ACF 501 e ACF 503, permette di introdurre fino al 25 % in massa di acqua con qualsiasi tipologia di olio vegetale o grasso animale, altrimenti non miscibili tra loro, come si evince dalla figura a lato ( A) —->

 

 

 

 

Figura 1 Stratificazione di olio e acqua a causa dell’immiscibilità

La particolare formulazione degli additivi ACF Series permette di emulsionare elevati quantitativi di acqua già a partire da valori in massa pari allo 0.2 %, garantendo migliori performance a motori, impianti di cogenerazione e caldaie e assicurando contemporaneamente una notevole riduzione delle emissione nocive.

Figura 2 Miscelazione di acqua e olio vegetale (A); emulsione finita (B)

Gli additivi della serie ACF sviluppati dai nostri chimici di Additive Chemical Limited, consentono la realizzazione di un’emulsione stabile, priva di acqua libera come confermato dai numerosi controlli qualità condotti in laboratorio dai nostri tecnici.

 

PHOTO FAIL

Figura 3 Emulsione fallita (A); struttura flocculata dell’emulsione Emulsion Power (B).

L’elevata flessibilità degli impianti Vegreen di Emulsion Power, consente inoltre di adattarsi rapidamente ad ogni tipologia di olio vegetale o animale grazie alla possibilità di sostituire la testa del miscelatore, cuore pulsante del nostro impianto.

Figura 4: Acqua + Olio vegetale + ACF503 significa emulsione uniforme e performante

ACL FAQ: Come mai l’emulsione è bianca?

marzo 13, 2014adminNews0
  1.       Cos’è un’emulsione ?

Un sistema colloidale è una particolare miscela costituita da una sostanza di dimensioni microscopiche (fase dispersa) e una fase continua disperdente. Una sospensione colloidale di un liquido in altro liquido viene definita come EMULSIONE. Il nome deriva dal latino mulgere (mungere), il latte stesso infatti è un’emulsione di grassi in acqua.

Olio e acqua non sono miscibili tra loro e formano pertanto due strati distinti e trasparenti. Un’agitazione vigorosa consente di disperdere le due fasi, portando alla formazione di un’emulsione (liquido omogeneo dall’aspetto torbido). In assenza di agenti stabilizzanti, il sistema torna nelle condizioni iniziali portando alla netta separazione dei due liquidi. L’aggiunta di un appropriato tensioattivo ( Additivi ACL series di Emulsion Power) e l’applicazione di una sufficiente energia meccanica, porta invece alla formazione di  un’emulsione omogenea stabile nel tempo, che appare torbida e opaca.

 

  1.      Perché l’emulsione è opaca ?

Aria ed acqua sono sostanze trasparenti, tuttavia la nebbia (una sospensione di goccioline d’acqua in aria) è opaca. Analogamente l’emulsione, a differenza dei liquidi che la compongono, si presenta opaca. Le cause di questo fenomeno, sono da attribuire ai fenomeni di rifrazione della luce.

La rifrazione avviene quando una onda luminosa passa da un mezzo con un indice di rifrazione ad un altro con indice di rifrazione differente. Il fenomeno può essere osservato sperimentalmente inserendo una cannuccia all’interno di un bicchiere pieno d’acqua e notando come questa appaia piegata in prossimità della superficie dell’acqua. Il grado di curvatura rappresenta la misura dell’indice di rifrazione:

colorazione bbianca dell'emulsione

Figura 1 Indice di rifrazione = Rapporto della velocità della luce = grado di curvatura della luce

 

La luce visibile è una porzione dello spettro elettromagnetico. Ogni tipologia di onda viaggia alla stessa velocità nel vuoto (299.792.458 m / s). La velocità di propagazione varia a seconda del mezzo considerato; la velocità della luce nell’aria ad esempio è minore rispetto al vuoto  (da 88.000 m/s) e si riduce ulteriormente nell’acqua. Il passaggio da un mezzo a bassa densità come l’aria a un mezzo a densità elevata come l’acqua ne riduce la velocità e ne causa la deviazione. Il rapporto tra la velocità della luce nel vuoto divisa per la velocità della luce in un mezzo, rappresenta l’indice di rifrazione. L’indice di rifrazione del vetro è di circa 1,5. In altre parole la velocità della luce nel vetro è 199.861.638 m/s (= 299.792.458 ms-1/1.5).

La foto A di Figura 2, mostra chiaramente la netta separazione tra gli strati di olio e acqua e la trasparenza dei due liquidi.

Figura 2 Olio e acqua – distinte fasi liquide immiscibili (A) e come emulsione (B)

La foto B mostra invece una miscela di olio (girasole) e acqua. L’emulsione è stata stabilizzata con un tensioattivo e miscelata in un mixer ad alta energia di taglio generando goccioline al di sotto di 1 micron di diametro.

Le onde della luce viaggiano solitamente in linea retta, ma, passando da un materiale a un altro, vengono rifratte, cioè deviate.

Il percorso della luce da un lato all’altro della provetta contenente l’emulsione, coinvolge numerose transizioni olio – acqua – olio, pertanto la luce viene diffusa in tutte le direzioni conferendo la tipica opacità. La probabilità di trovare un percorso rettilineo attraverso l’emulsione è trascurabile. Il grado di estinzione della luce è una funzione della popolazione della fase dispersa, della dimensione delle goccioline e dell’indice di rifrazione.

Un’emulsione costituita da due liquidi trasparenti aventi indice di rifrazione identico, sarà chiara e trasparente; non si verificherà infatti deflessione della luce come avviene con fasi liquide differenti.

Un’ulteriore spiegazione può essere data considerando le dimensioni delle goccioline presenti nell’emulsione.

Una soluzione di sale (cloruro di sodio) in acqua si presenta chiara e trasparente. In tale soluzione, il soluto (ioni sodio e cloro) è ripartito in dimensioni molecolari nel solvente consentendo la formazione di un sistema omogeneo. Poiché soluto e solvente hanno dimensioni considerevolmente inferiori alla lunghezza d’onda della luce visibile, non si verifica rifrazione. Analogamente, nelle microemulsioni, dove le dimensioni delle goccioline disperse sono minori ai 100 nm, il sistema appare chiaro e trasparente; al di sopra di questa misura, si osserva dispersione della luce e quindi un liquido opaco.

 

Additive Chemical Limited

Stable Emulsion quotato su CCIAA Genova

novembre 7, 2013adminNews0

 

La Camera di Commercio di Genova ha quotato il prodotto Stable Emulsion ( Emulsione Stabile Emulsion Power) nel mese di Ottobre.

La quotazione della Camera di Commercio di Genova è il punto di riferimento per tutti gli utilizzatori finali liguri ( in questo caso sopratutto condomini privati) per conoscere il prezzo aggiornato del prodotto Emulsione Stabile.

Questo viene considerato da Emulsion Power un ottimo riconoscimento : l’approvazione del nostro prodotto della clientela su larga scala.

Scarica qui il listino CCIAA Ottobre 2013: Listino CCIAA

CCIAA_Genova

Emulsion Power
The mission of EMULSION POWER S.r.l. it's to optimize energetic efficiency in the name of the economy (rationalization) while respecting the environment, in perfect harmony with the existing and future directives .
Seguici